Ristrutturazione societaria

Il bene comune è nelle mani di pochi. Davvero pochi. Gli organi atti alla legiferazioni sono stati superati da metodologie decisionali più rapide, efficienti, che permettono di superare tutto quel burocratese in cui il nostro Paese è stato finora avviluppato. Lo rendevano più vicino alla rete contorta e gerarchica della vecchia Unione Sovietica piuttosto che ad un’agile e moderna democrazia occidentale.

 

Ormai non si chiede più, non si ascolta.

Si decide e in seguito si proclama. Solo le cose gradevoli. Le inefficienze, gli errori, quanto è di dannoso e preoccupante viene evitato. Vi si passa sopra. Tanto per non creare allarmismi indesiderati. Per rendere sempre più amato il luogo in cui si vive e gli eletti che lo reggono.

Tutto questo mi ricorda qualcosa, ma finirei col fare becero qualunquismo.

 

La scala dei valori è stata superata. La forbice sociale è un ricordo stampato nei più vecchi libri di storia, superati, questi ultimi, da una informazione di massa e univoca (nel
senso di voce comune, collettiva) che aggiorna il corso degli eventi con frequenza e rispetto delle regole. Il popolo ha si da ascoltare. Non ha bisogno di fare altro, non è più necessario che faccia altro.

Una rilassatezza mentale che permette l’impiego delle proprie facoltà intellettive verso attività ben più interessanti. Il sudoku, ad esempio.

 

La rivoluzione culturale in atto è sempre più sconvolgente e forte. Ci sono veri e propri scossoni alle fallaci fondamenta
dello stato delle cose. Quello che fino a poco tempo fa si credeva un’evidenza, un dato di fatto incontrovertibile, si sgretola sotto l’azione di menti superiori e progressiste.

L’istruzione può essere superata e razionalizzata. Si andrà verso l’autodidattismo e Nettuno troverà finalmente la sua definitiva fioritura.

La fuga di cervelli sarà un ricordo. I cervelli, soprattutto.

 

Sembra di vivere un nuovo futurismo. Dove il cambiamento è rapido e costante, dove le elucubrazioni corrono più della ragione.

E si vede.

Annunci

15 risposte a “Ristrutturazione societaria

  1. "La fuga dei cervelli sarà un ricordo. I cervelli, soprattutto." Carina…Colgo l\’occasione al balzo per ribadire: questa è l\’era del buffonesimo.

  2. credo tu abbia ragione,qualunque cosa tu abbia scritto…
    non riesco a risolvere questo sudoku,non ho il tempo di leggere….
    Ma continua così,sei grande!!

  3. Non ricordo alcuna era come questa, Matteo, e non so se è dovuto alla mia età non troppo avanzata.Una tale fiducia, Giulia, non me l\’aspettavo proprio.

  4. E dire che la burocrazia è apparsa con la società di massa, quando questa diventava organica, per affrontare le imprese con la ragione (è una parola esagerata, lo so, ma non ne ho trovate altre). E si affermarono le tre dimensioni della modernizzazione: mutamento culturale, sviluppo economico e cambiamento politico. Mao, per la sua rivoluzione culturale (e conservare il potere; sul mio libro di Storia è scritto così), gli toccò di doverne sballare i valori e unità di misura. Idem per oggi, ove abbiamo perso le dimensioni del nostro caos.
    Mi sembro Pico.
     
    JosefK, grazie per l\’immagine, è una chicca!

  5. Pensavo la stessa cosa, Edo, sul fatto di Pico.I tentativi di contrastare e di rivoluzionare hanno spesso preso piege impreviste, o comunque esagerate. La voglia di strafare umana, o di pochi umani, crea parecchi danni.

  6. CHI MI HA EVOCATO!! 😀
     
    Josef, sulla forbice sociale, due parole: John Rawls. Il Berlusca dovrebbe leggerselo un pò.
     
    Sul rassicurantismo mediatico: è così.
     
    E tutti e due adesso mi spiegate che vuol dire "sembro Pico" 😀

  7. Io, Scaglia, di risposte ne ho alcune. Non bastano, sicuramente, e molte di loro sono incomplete e/o errate. Ci vorrebbe una vita a spiegare tutto e comunque non mi ritengo all\’altezza.-_- Forse John Rawls lo dovrei leggere anch\’io, Pico……. E comunque, tu vieni evocato ogni qual volta si ha a che fare con una risposta completa ed argomentata…. (Ma quanto sono paraculo!!!!!!)

  8. Pico, senz\’offesa.
    Come puoi capire dalla blanda di JosefK (grazie di cuore!), ci tenevo a fare un commento abbastanza esaustivo sacrificando la brevità. Ecco perché. Giàcché sei evocato, mi esaudisci i tre desideri?
     
    Scaglia, anch\’io ho un po\’ di risposte, ma passerei per un qualunquista e quindi mi astengo (come ha fatto quest\’ultimo ;-P). Questione d\’immagine.

  9. Pedante, Pico?!?! Non mi permetterei mai…Edo, dato che chiedi i desideri in questo luogo sarei contento se me ne lasciassi uno o due.Buio! Fabio, è penombra. Dove ciò che vedi si confonde facilmente con realtà diverse.

  10. sí, l´ho studiato anni fa. ma quella non era una scuola di qualitá e i risultati si vedono. meno male che ci ha pensato maria star

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...