Accompagnamento all’insonne

Cosa abbiano da dirsi i cani alle quattro e quarantasette del mattino è un mistero inestricabile. Discutono ininterrottamente dal calar del sole, in maniera ordinata, aspettando ognuno il proprio turno per prendere parola. Solo in rari casi il discorso si infervora, causa è sempre il medesimo indispettito. Soggetto, fa pensare, dalla coda di paglia, o poco ci manca. Dal timbro dell’abbaiare è assai facile figurarsi le loro sembianze. Una voce bassa, in particolare, da mostra di un certo carisma. Di fascino. Un pastore, immagino, che fa discorsi da principe. O gerarca.

Le lucciole sull’altro lato della strada continuano a passeggiare avanti e dietro, con l’eleganza di un balletto. Agli insetti mi riferisco, quelli che ad intervalli regolari fanno nascere tensioni sul loro grosso sedere e lo illuminano a festa. Mai visto niente di più lascivo.

I passeri hanno ricominciato i loro cinguettare forsennato. Sono pazzi, schizofrenici. L’impressione è che non riescano a star fermi, pena la morte. Magari terrorizzati dai versi lugubri delle civette. Se riescono a creare superstizioni e riverenze tra chi ha il pollice opponibile non vedo perché animali così piccoli non debbano temerle.

Mancava solo il corvo. Ora l’incubo è al completo.

Le auto sono rare. Ma dallo stile con cui viene affrontata la curva più in basso è facile intuire se si tratta di ritorno da baldoria o inizio del travaglio. Inespressive sono invece le rotaie che al passare dei treni suonano sempre le stesse note. Più o meno allegre, dipende dalla fretta.

Alla sveglia dei galli il coro canino chiude i battenti. Vorrei applaudire, ma il senno mi ferma per ovvie ragioni.

 

Intanto non ho capito cosa ci faccio ancora sveglio.

Annunci

23 risposte a “Accompagnamento all’insonne

  1. ….che dolce nostalgia….mi sembra la descrizione delle mie notti in campagna….(ma il gallo non dovrebbe cantare all\’alba???le 4:00 sono l\’alba di che???)…ma poi sale la luna piena ..ed io mi affaccio sul giardino immerso nell\’ombra..lascio entrare i suoi raggi tenuied ascolto le ultime note di un lontano ballo a palchetto…ahhhhh…..

  2. Dannati codardi, Scaglia! Il loro nervosismo ha una consistenza virale, è trasmissibile.Per la precisione, Ariel, i galli hanno suonato la sveglia alle 5:25. Per esperienza personale ho notato che i gallinacei in questione avviano il loro canto qualche minuto prima del tipico chiarore che accompagna il sorgere del solo.

  3. ah,i cani accompagnano spesso anche le mie veglie…ma io sono assai meno poetica di te,e mi interrogo piuttosto sul sistema più efficace per zittirli e punire i loro padroni,che sugli arcani loro argomenti di conversazione…e qui in città la sveglia è data dall\’intensificarsi del traffico…ma i piccoli pennuti non mancano mai!

  4. dopo una notte insonne con il solo accompagnamento della ventola del pc, credo che pootrei anche invidiarti.ma dove vivi?

  5. ,,,io adoro le serenate dei grilli….spesso d\’estate dormo al loro canto e preferisco spararmi km al mattino solo per farmi ninnare..:-))))….

  6. Come, cosa ci fai ancora sveglio alle quattro… Con tutto \’sto casino, come fai a dormire?Stasera chiudi il balcone, anche se fa caldo.

  7. la descrizione del pastore che fa discorsi da gerarca mi ha fatto pensare a un uomo piuttosto che a un cane… abiti per caso vicino al Vaticano?

  8. Ho perso senno e sonno, Marta. Ma ho paura che la causa non siano solo loro.Giulia, delle punizioni canine preferisco non parlare, la LAV mi tiene sotto controllo.In un paese, Fabio. Di quelli dove abitato e campagna si confondono.Io invece odio le zanzare, Ariel, di quelle tanto grandi che ensi la nucleare abbia combinato qualcosa.Dannazione, Mauro. Dobbiamo organizzare qualcosa. Spero a fine luglio, o ad agosto. Secondo la tua disponibilità ovviamente.Se chiudo il balcone, Federico, rischio il soffocamento. O l\’annegamento nel sudore. Meglio insonne che morto.Per travaglio, Pico, intendo lavoro. Comunque la differenza sta proprio nel fatto che uno sgomma e l\’altro no.No, Fabio G., ma la domenica verso le undici mi piace affacciarmi al balcone e salutare tutta quella gente, anche se non ho ancora capito perchè è lì. (risposta di un idiota)No, Fabio G., i cani non dicono cazzate.

  9. Non c\’è niente da perdonare, Pico. Sono io che contorco le parole.Ho tutti i problemi che mi servono, Edo.Ok, Mauro. Io magari ci conto.

  10. che bello leggerti joseph. Stupenda descrizione di una notte insonne.comunque io le lucciole le adoro! (mi riferisco agli insetti :D), le ho scovate in un punto preciso di un parco vicino casa, starei a fissarle notti intere…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...