Vaga interpretazione di una resistenza

Ho fatto il turno di notte.

No, non lavoro a Pomigliano. A montare il parabrezza della 159 o a verniciare la fusoliera del Dreamliner sono capaci altri. Tantomeno cucio borse d’alta moda per 500 euro al mese negli scantinati dell’hinterland Napoletano. Come mi guadagno da vivere non ha nulla a che vedere con le ore appena trascorse, sarà argomento di un’altra pagina di diario. Sempre che ne valga la pena.

Stanotte ho resistito. Che mi fa pena dirlo. Ora e qui. Nel 2010 dopo Cristo in una nazione che si vanta di essere civile. Ho combattuto senza armi perché non riversino l’immondizia di una capitale decaduta in un paese di neanche ventimila abitanti, alle falde di un vulcano in un parco naturale. Che a dirla così fa ridere. Sembra la battuta di un cabarettista impegnato, satira innocua per menti incoscienti. Il verso di una canzonetta di metà novecento, che inumidisce gli occhi di nostalgici e neoborbonici.

La cronaca mi vuole col volto coperto a lanciare sassi contro i blindati, come i palestinesi nella striscia di Gaza. Che do fuoco a montagne di spazzatura per ripicca ai lacrimogeni della polizia. Che urlo e mi dimeno, trascinato via da due carabinieri. E non sbaglia del tutto. Quelli col passamontagna li conosco. Sono  al bar che offrono caffè e campari senza mai un rifiuto. Che impongono pareri in piazza e codici comportamentali in casa. E che incassano soldi per ripulire le strade e avvelenarci le terre.

Ci stanno per cascare. L’aria si è fatta pesante, e non mi riferisco al tanfo che viene dalla discarica. L’opinione pubblica è ogni giorno più disposta ad accettare gli sgomberi e l’uso della forza. Chi pesta i poliziotti e sfascia auto è sul punto di raggiungere il suo scopo. E io sono così stanco.

Ora devo sbrigarmi. Vorrei passare al pronto soccorso prima di timbrare il cartellino.



Annunci

18 risposte a “Vaga interpretazione di una resistenza

  1. lo sapevo.inutile che continui a negarlo.sei un idealista.uno di quelle Persone che combattono per una convinzione un ingiustizia fosse anche solo olfattiva…
    ti aiutero’.continuero’a fare un inutile differenziata a pagare una tarsu sempre piu’alta per assurdo contralto e non tifero’per bertolaso e company.cmq bentornato…ora lavati ancora un po’i capelli con aceto di mele….qui non e’il mio cane a lasciare una scia…^_^

  2. Innanzitutto ben tornato!
    Vedo che anche a te ha giovato il cambio di ‘casa’, io non solo ho ritrovato la voglia di scrivere, ma persino il dono della sintesi dote che pensavo mi fosse stata affidata nel momento in cui stavo chiusa in bagno a leggere i fumetti de: ‘Il Comandante Mark’.
    E questa è cosa buona e giusta.
    Serve dello shampoo neutro?
    Voilà! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...