Ingiustizie di genere

In questo periodo dell’anno sviluppo un forte rancore nei confronti delle componenti del sesso femminile. Ribadisco che tale sentimento è riferito ad un intervallo temporale che, sebbene leggermente variabile, è pur sempre limitato. Questo è valido alle latitudini in cui vivo attualmente, nel caso di imprevedibili sviluppi futuri non è escluso che tale lasso di tempo si dilati o si comprima anche di multipli importanti. Questo preambolo inutilmente contorto serve solo ad introdurre la questione dei privilegi riservati alle donne quando si ha da confrontarsi con le alte temperature.

Fondamentalmente signore e signorine hanno la possibilità di spogliarsi, di lasciare che porzioni consistenti della loro pelle non vengano oppresse da spessori anche minimi di cotone, lino, fresco lana, seta o pelle d’elefante. Tutto ciò senza suscitare scalpore, o comunque solo in casi estremi si genera un imbarazzo tale da risvegliare l’invidia del senso concorde e un surplus di bava in quello opposto.

Le trasparenze sono il primo colpo basso alla sofferenza termica a cui sono sottoposto. Spalle e pance coperte solo nominalmente si aggirano su strade tramutatesi in friggitrici. E non v’è sudore che imperli ombelichi e scapole data la larga trama del tessuto. Sul fronte opposto, quello maschile per intenderci, le trasparenze non volute nascono da maglie lucidate dai liquidi che il corpo secerne nel tentativo di non cuocere nel proprio brodo.

Scollature chilometriche regalano il giusto spazio ai cuori per battere, lasciano il petto libero di respirare e permettono ai polmoni di gonfiarsi senza reprimende. Anche le schiene si scoprono, e le rare gocce che sgorgano dalla nuca hanno tutto lo spazio possibile per scendere ai piani bassi, seguendo curve dolcissime e spaziosi rettilinei. Sembrano anzi regalare refrigerio alle fortunate e scaldare ancora più i maschi spettatori.

Le gonne, delle più svariate lunghezze e fatture, fanno solo intuire tutta la frescura che sale e vortica intorno alle cosce. Sensazioni che un uomo non può in alcun modo giustificare a meno di discendenze scozzesi o di una passione particolare per il cross dressing. Se poi la gonna è parte di un vestito a taglio unico, la rabbia ribolle sognando delle correnti libere di seguire percorsi ancora più lontani e nascosti.

Ho bisogno di una doccia fredda. Deve essere per tutta quest’afa di cui ho parlato.

Annunci

37 risposte a “Ingiustizie di genere

  1. concordo che con il caldo diventiamo ancora piú cessi. sbavare poi non aiuta di certo. fortuna che da queste parti si passano raramente i 20 (gradi).

  2. …che poi, chi ha stabilito che alla donna spetta la gonna e all’uomo i pantaloni? che poi le donne portano i pantaloni e quindi perché , per una questione di parità gli uomini non dovrebbero portare la gonna?che poi dopo una bella ceretta sulla schiena una scollatura mica è vietata anche al “maschil sesso”, e se lo è mica sta scritto sul codice civile, o sì?

    Voglio un mondo dove si sia liberi di vestirsi come ci pare, anche di non vestirsi se fa caldo! 🙂

  3. Mi stupisco come tu possa star qui a scrivere in momenti come questi: sfogati cazzo!
    Comunque a me basterebbe capire perchè io sudo come una bestia mentre le ragazze al massimo hanno la fronte leggermente imperlata. Questo mi fa essere molto diffidente.

  4. analisi ottima Iosef.come sempre ..torno da coste fresche e dal respiro salino pero’ anche li’ uomini rossi come aragoste appena pescate e scusi se mi scosto.(bleah!)..sono la pena di donne abbronzate e profumate di burro di cacao eo altre delizie..non mancano le eccezioni per carita’..in tutti i sensi !!ho mollato persino il mio adorato libro per lisciare con gl’occhi un ragazzo incrociato con una statua di Fidia ciabatte e pareooo!!…inutile fare le facce schifate…era un figo pazzesco!!!!..anche con uno stura lavandino in testa…. 😀

    • E’ proprio questo il punto, ci sta un abisso tra ciò che provoca la pelle scoperta femmnile e il disabbigliamento del maschio. Poi ci stanno da considerare pure le differenze con cui i corpi femminili affrontano questo caldo rispetto a quelli maschili.

      • lo sai che la differenza e’ anche tra razze? ricordo quando ho girato la thailandia…tu uscivi fresco e pulito dall’aria condzionata della hall e dopo mezz’ora eri uno straccio di pavimento per sudore e moschini…loro erano freschi senza una stilla che adombrasse la fronte di vecchi donne e bambini…noi coi nostri abiti stilosi eravamo una figura spiegazzata sullo sfondo di una natura splendida ed anche il barbone a bankog sembrava piu’ pulito nella camicia rotta di noi turisti gocciolanti!!….europei..ztez….magra figura di fronte alla loro eleganza innata…anche con 40 gradi!!..cmq la prossima settimana torno al mare …qui non si resiste…..

        • E’ certo che l’abitudine ti modifica pure il corpo. Un pò come vedere i popolani del nord europa con la maglia a mezze maniche mentre tu stai incappottatto!

          • hai ragione!! ..quando sono stata a copenaghen a dicembre la ragazza della reception veniva in albergo in bicicletta con maglia e sciarpina…io ogni tre ore entravo in qualche bar o museo disperata!!!!!

              • volevo vedere il mare di ghiaccio ….sentire al mattino le navi entrare in porto e spaccarlo in grandi pezzi vedere la citta’ di neve …meno 35 gradi…un esperienza che merita!!!!!!!…indimenticabile…(poi puoi ciedere alle ragazze di scaldarti 😀 !

                • Effettivamente io sono una sorta di calorifero che cammina, ma certe temperature non le ho mai affrontate. Magari vedo prima com’è d’estate e poi d’inverno…. 😉

  5. Beh, almeno voi uomini (tranne incomprensibili eccezioni) non dovete sottoporvi alla tortura della ceretta!
    E un paio di pantaloncini potete indossarli tranquillamente sa?
    E poi………ma dove cavolo le trovi quelle immagini ??? No, non lo voglio sapere, vai a farti una doccia fredda. 🙂

    • Ma io mica ti costringo a farti la ceretta? Per me puoi fare quello che vuoi, certo è che poi per tenerti un uomo bisogna che cambi nazione e cultura, però.

      Ma che c’entra, i pantaloncini non è che li puoi indossare ovunque!!?!?!?!!?

      Le immagini?!?! Che immagini!? E’ che sono uno che cerca.

      • ahahaha, no, no…e poi senza peli si suda meno :-p (Francesco, forse è anche per quel motivo)

        in facoltà li puoi portare i pantaloncini, anche se l’altro giorno un prof non ha fatto sostenere l’esame a una tipa perchè li indossava….follia pura.vabbe che quella stava seminuda..

        • Pure io a quella seminuda non le avrei fatto fare l’esame, no, per niente.

          Mi devo fare una ceretta al cervello, così la smette di surriscaldarsi.

  6. Più mi trovo in mezzo alla gente in piena estate più ho la sensazione di stare nel mezzo di un epodo di Orazio. Ecco, tu l’hai riscritto in prosa. Magistrale =)

    • Io ho invece ho sempre più la sensazione di stare a carnevale (scusa se le mie sensazioni sono culturalmente semplicistiche 😉 ), i travestimenti si sprecano così come i comportamenti “bizzarri”. 😀

  7. E invece dovresti essere “felice”, pensa, anche qui sto friggendo allegramente ogni giorno. Però è questo il periodo in cui ci si possono fare risate spassose (e di gran gusto) nei confronti di come la geste riesce a comprare vestiari assurdi pur di sentire un minimo di refrigerio, pensando addirittura di poter apparire più sensuale. Ti assicuro, è l’unico pregio. Vedere gente con gli stivali e poi un pezzo di tela adibito a top. Viene da ridere. O forse è solo un preambolo di un’insolazione.

  8. figurati che in ostello, in un dormitorio misto, ho invidiato i ragazzi che candidamente si stendevano sul materasso in mutande, mentre io ero l’unica in due pezzi. invidia!

    • L’ostello misto è un luogo al di fuori di ogni regola e abitudine sociale. E’ certo che al suo interno tutta la mia volontà critica scemerebbe, troppo habitat a modo suo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...